Art Blog by Loredana De Simone

What we have learned from Paris haute couture

Favourite looks from Armani Privé and Ulyana Sergeenko

 

L’ Haute Couture a Parigi è un po’ come un sogno: breve, bellissimo e fuori dal mondo.

Signore in gonne sotto al ginocchio che passeggiano sotto una ricostruzione fiabesca della Tour Eiffel, donne che indossano fiori e piume, femme fatale con onde anni ’40.

Ed il mondo fuori (dalle sfilate) è fatto di sandali e mocassini Gucci, tanto Céline e mules come se non ci fosse un domani.

Uno è il sogno e l’altro è la realtà.

E si sa, la realtà non è mai troppo bella o troppo facile, lo impariamo ogni giorno e l’Alta Moda ce lo ricorda ciclicamente.

***

The Haute Couture in Paris is a bit like a dream: short, beautiful and out of the world.

Ladies with below the knee  skirts  strolling under a fabulous reconstruction of the Eiffel Tower, women wearing flowers and feathers, femme fatale with 1940s waves.

And the world outside (the catwalks) is made of Gucci sandals and  loafers,  Céline and mules as if there were no tomorrow.

One is the dream and the other is the reality.

And you know, reality is never too good or too easy, we learn it every day and High Fashion remind us it cyclically.

 

 

 – Lady in Grey

Chanel haute couture fall winter 2017/2018

Dior haute couture fall winter 2017/2018

 

 – Il ritorno delle spalline e del monospalla

***

  – The return of the shoulder pads and the one shoulder tops

 

– Blocchi di colore: Interessante è il ritorno di ampie campiture cromatiche monocolore.

***

– Color blocks: Interesting is the return of large monochromatic color schemes.

 

 

 – Giardino d’inverno: che i fiori fossero un cliché in primavera lo sapevamo, ma non ci aspettavamo che tra piume ed inserti di pelliccia potessero rendere gli abiti come un giardino d’inverno.

***

– Winter Garden: We knew hat the flowers were a cliché during spring, but we did not expect that between feathers and fur inserts could make clothes like a winter garden.

 

 

 – Il ritorno della veletta: il più gradito tra i ritorni è quello della veletta, portatrice sana di seduzione vintage.

***

– The return of the veil: the most welcome of returns is that of the veil, a healty carrier of vintage seduction.

 

* Pictures from vogue.it *

You Might Also Like

Leave a Reply